logo comune

Adotta una famiglia

icona per la stampa della pagina

COMUNE E PARROCCHIA UNITI PER AIUTARE PERSONE E FAMIGLIE IN CRISI

La crisi? Non è solo un problema di grande finanza. Ha effetti pesanti su molte persone e famiglie, anche a Osnago. I servizi sociali del comune e le iniziative d'aiuto della parrocchia da mesi sono sotto pressione: un numero straordinario di richieste, che non accenna a diminuire. In paese si calcola che oltre 200 persone abbiano perso lavoro, 12 sono gli sfratti esecutivi pendenti, l'assistente sociale del comune ha registrato un aumento di circa il 60% delle richieste di sostegno per pagare affitti o bollette, 40 borse alimentari vengono erogate ogni due settimane dalla parrocchia.

Si fa già molto per prevenire la caduta di tante persone in uno stato di povertà difficilmente reversibile. Ma una situazione eccezionale richiede risposte eccezionali. Per questo comune e parrocchia hanno deciso di dare vita a un intervento congiunto. E di lanciare un appello a ogni cittadino di Osnago: ADOTTA UNA FAMIGLIA! Si tratta di un impegno a effettuare versamenti economici (mensili o in soluzione unica); un gruppo di lavoro congiunto comune-parrocchia (assessore ai servizi sociali e assistente sociale per il comune, parroco – o suo delegato – e rappresentante dell'associazione "Il Pellicano" per la parrocchia) destina i fondi a persone e famiglie in gravi difficoltà economiche e sociali, garantendo l'anonimato.
Gli aiuti non sono erogati in contanti, ma si provvede al pagamento di bollette, affitti, spese mediche, scolastiche o d'altro genere.

DISTRIBUZIONE DI BORSE ALIMENTARI

Sono costituite grazie a donazioni in parrocchia, contributi di Banco Alimentare e Unione europea, e soprattutto raccolte mensili al punto vendita Coop di Osnago.  

Sportello INCONTRALAVORO

Nel 2014 un gruppo di volontari di Adotta Una Famiglia si è costituito come gruppo autonomo per il sostegno alla ricerca del lavoro. Il gruppo di volontari ha creato l’iniziativa “Sportello Incontralavoro”. Lo sportello si occupa della condizione lavorativa delle persone assistite. Lo status di assistito dipende da un’analisi periodica e regolare della condizione economica dell’assistito e della famiglia. La verifica viene svolta dall’assistente sociale su documentazione pubblica o bancaria e su basi dati della pubblica amministrazione.

Se l’assistito fa lavoro irregolare, questa forma di reddito non viene rilevata e continua a percepire il sostegno privato e pubblico. Per questo motivo, dal 10 gennaio 2015 è partito il progetto "Collavoriamo", per supportare tutti i cittadini che intendano ricorrere all'uso dei Voucher INPS per assumere lavoratori occasionali. L’istituto dei vouchers INPS permette di chiarire le posizioni economiche delle famiglie assistite, ma solo all’assistente sociale.

Cosa fa lo sportello?

I volontari dello sportello supportano tutti i cittadini che intendono ricorrere all’uso dei vouchers attivandosi in loro sostituzione nella:

  • Segnalazione di persone disponibili per lavori occasionali
  • Attivazione dossier INPS
  • Attivazione gratuita dei voucher per conto del cittadino
  • Consegna materiale dei vouchers ai lavoratori
  • Rimborsi dei vouchers

Per accedere ai servizi di stesura curriculum e di orientamento voucher è necessario fissare un appuntamento telefonando al seguente numero: 328.185.3390  oppure scrivendo una mail a: collavoriamo@gmail.com

I numeri di Incontralavoro:

Curriculum vitae redatti - 38 cv di uomini (di cui 16 stanno lavorando o hanno lavorato) e 34 cv di donne (di cui 14 stanno lavorando o hanno lavorato)
Voucher da maggio a oggi - registrate più di 1.000 ore lavorate (pari a 10 mila euro lordi) da 10 lavoratori, a favore di 12 privati
Aziende e artigiani - 6 soggetti si sono rivolti allo sportello per ricercare personale “di fiducia”, 5 le assunzioni realizzate (con i lavoratori si mantiene un contatto continuo, al fine di rendere proficuo e leale il rapporto con le aziende.
Contatti - si rivolgono allo sportello 4-5 persone ogni giorno di apertura. La pagina Facebook del gruppo Collavoriamo riceve una media di 40 visite al giorno, con picchi intorno alle 100 nei week end: seleziona e pubblica offerte di lavoro mirate, riprese dall’ampio bacino di offerte presenti nel web, proposte dai centri per l’impiego e dai giornali locali. La pagina ha favorito una decina di contatti tra aziende e aspiranti lavoratori, scaturiti in 4 colloqui e 2 assunzioni (1 uomo e 1 donna).

Da studente a studente

L’iniziativa nasce per aiutare alunni delle scuole medie (e, se vi saranno possibilità, del primo biennio delle scuole superiori) a superare le difficoltà incontrate nello studio, riducendo il rischio di dispersione scolastica precoce. Il supporto, tramite ripetizioni gratuite, impartite alla Locanda del Samaritano, è rivolto a ragazzi e ragazze provenienti da famiglie con una precaria situazione economica (Isee inferiore a 12 mila euro), che non possono procurarsi un sostegno scolastico in modo autonomo. Gli alunni vengono segnalati dagli insegnanti, mentre i responsabili del progetto, sulla base del suo regolamento, verificano la sussistenza dei criteri di ammissione. L’originalità dell’iniziativa consiste nel fatto che a offrire aiuto agli “studenti junior” saranno universitari. Agli “studenti senior” il progetto riconosce un compenso attraverso l’erogazione di buoni, che potranno essere impiegati per il pagamento delle spese universitarie (trasporto, libri, tasse d’iscrizione). La selezione dei “senior” si baserà sulla ricerca di modelli virtuosi: gli studenti universitari che affiancheranno nei compiti gli studenti più piccoli dovranno infatti dimostrare impegno e costanza nello studio oltre a una buona empatia nei confronti dei più giovani. Sarà inoltre data la precedenza agli studenti che presentano un Iseu (l’Isee universitario) inferiore a 14 mila euro.
Il progetto (oltre che di donazioni, per poter avere continuità nel tempo) ha bisogno anche di volontari adulti, chiamati a garantire la supervisione durante le ripetizioni.

PER INFORMAZIONI E ADESIONI:
Studenti “junior”: Miriam Magni tel. 039.58034
Studenti “senior” e volontari adulti: Antonella Rampichini tel. 349.6075502

 

 

«L'impegno del comune per i servizi sociali è cresciuto enormemente negli ultimi anni: spendiamo oggi circa 108 euro ad abitante all'anno di sole spese correnti, più di tre volte rispetto a 15 anni fa – osserva Paolo Strina, ex sindaco di Osnago –. Dobbiamo dare risposte ai bisogni delle fasce fragili della popolazione in un momento di crisi economica, ma anche sociale. Ci muove un'idea di paese solidale e generoso, crediamo che Osnago possa essere "sicuro" tanto più "si cura" delle persone deboli. L'impegno dell'istituzione può essere efficacemente integrato dalla mobilitazione dei cittadini sensibili».

«Il famoso poeta greco Esiodo – rievoca don Costantino Prina, parroco di Osnago – nel testo Le opere e i giorni suggeriva: "Invita a tavola chi ti ama e lascia stare il nemico... Ama chi ti ama, va da chi viene da te. Dà a chi dà e non dare a chi non dà, perché nessuno ha mai donato a uno che non donava". Ma la comunità cristiana, fatta di pellegrini e ospiti, se vuole essere fedele al suo Signore che ha detto "Avevo fame, sete, freddo... e mi avete aiutato" e "Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date", sente di dover spalancare la sua porta ai pellegrini in cerca di tetto, amore, pane, conforto, aiuto e speranza».

 

Le nuove coordinate bancarie per effettuare le donazioni

Intestazione

Il Pellicano / ADOTTA UNA FAMIGLIA

Iban IT41D0521651650000000030548
Bic/Swift BPCVIT2S

L'offerta può essere messa in deduzione nella dichiarazione dei redditi. A tal fine è necessario richiedere la ricevuta della donazione a:
tel. 347.1060961
adottaunafamigliaosnago@gmail.com

 

 

Allegati

Locandina evento
Brochure
Borsa alimentare: domande e risposte
Da studente a studente

I risultati raggiunti

Dopo due anni di attività
Dopo tre anni di attività

Aggiornamenti

Aggiornamento 12-12-2015
Aggiornamento 15-11-2013
Aggiornamento 15-10-2012
Aggiornamento 11-04-2012
Aggiornamento 17-01-2012
Aggiornamento 08-12-2011
Aggiornamento 09-11-2011

IncontraLavoro

Locandina sportello IncontraLavoro
progeto Collavoriamo
Privacy - Note legali - Credits